Palermo, 9 nov. (AdnKronos Salute) – Le percentuali non sono ancora a 2 cifre, ma dal 2013 al 2014 i dati sul numero di bambini vaccinati in Sicilia sono in diminuzione. A fornirli è il dipartimento Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico (Dasoe) dell’assessorato regionale alla Salute. Per quanto riguarda il vaccino esavalente, ad esempio, a fronte di una copertura considerata ottimale del 95%, l’Isola ha raggiunto nel 2014 il 93,3% contro il 95,29% del 2013.

“E’ necessario fare chiarezza – dice all’AdnKronos Mario Palermo, dirigente del Servizio I del Dasoe dell’assessorato regionale alla Salute – I vaccini non sono un obbligo ma un’opportunità di salute. La gente deve capire che dietro di essi non ci sono interessi economici o guadagni, ma la tutela della salute. Ci sono stati casi di bambini morti per varicella o pertosse e questo non può e non deve succedere”. Il numero maggiore di bambini vaccinati si registra a Enna (97,7%) e Caltanissetta (97,2%), seguite da Ragusa (96,8%), Agrigento (96,1%), Siracusa (95,2%), Palermo e Trapani (entrambe 95,1%). I dati peggiori, e che determinano un abbassamento della media regionale, arrivano invece da Messina e Catania, rispettivamente 90% e 89,1%.

“I media, i giornali e le storie di legami fra i vaccini e malattie come l’autismo, che è bene ricordare non hanno alcun fondamento scientifico, hanno influito sul calo delle vaccinazioni – osserva Palermo – ma indubbiamente un ruolo chiave lo svolgono anche i pediatri. A Catania, ad esempio, c’è una larga parte di pediatri che punta sulla medicina omeopatica e sconsiglia i vaccini e i risultati si vedono”.

L’incriminato vaccino contro il morbillo – il tetravalente morbillo, parotite e rosolia – segna dati ancora inferiori. La copertura a livello regionale ha raggiunto solo l’84%, contro l’88,86 nel 2013. Ancora una volta le province con il numero minore di vaccinazioni sono Messina e Catania: 71,1% la città sullo Stretto e 79,6% il capoluogo etneo. In un anno, la copertura del vaccino contro la varicella, nella maggior parte dei casi somministrato in concomitanza con il tetravalente, è passata dal 84,86% al 79%. In calo anche lo pneumococco – dal 93% nel 2013 al 91,8% nel 2014 – e l’antimeningococco C, passato dal 61,30% al 60%. Non sono invece ancora disponibili i dati sul vaccino contro il meningococco B, inserito dalla Regione fra le vaccinazioni gratuite per i nuovi nati da gennaio 2015 e somministrato entro il quarto mese di vita del bambino.

“Se i casi di morte per alcune malattie si sono ridotti negli anni è merito delle vaccinazioni – sottolinea Palermo – Un tempo si pensava che i bambini dovessero prendere le malattie esantematiche e che era meglio lo facessero da piccoli. Alcune persone pensano che pertosse o morbillo non possono essere malattie con conseguenze gravi, ma non è così. La pertosse per esempio può essere mortale per un neonato”. E sempre in tema di vaccini, la settimana scorsa la Regione Sicilia ha dato il via al piano vaccinale antinfluenzale 2015-2016, gratuito per gli over 65. L’anno scorso la profilassi ha subito un calo di oltre il 10%, passando dalla percentuale già esigua del 56,7% del 2013-2014 al 48,1% del 2014-2015. La media nazionale era del 55,4% nel 2013 e del 48,6% nel 2014.