Don Andrea Contin, prete della parrocchia di San Lazzaro a Padova, è diventato negativamente famoso per i suoi vizi e per le sue perversioni che farebbero arrossire anche un commesso di un sexy shop Thailandese. Tuttavia, il punto che interessa a noi di Centopercentoanimalisti è un altro.

Dalle varie indagini in corso emerge che il prete sporcaccione abbia speso 1000 euro per assistere in prima fila al palio di Siena. Per noi quindi è una conferma! Contin non ama gli Animali, anzi, ha speso pure cifre enormi per assistere ad una delle più grosse vergogne d’Italia, il palio dei Cavalli di Siena, IL PEGGIORE.

Non a caso, negli ultimi 40 anni, solo a Siena, sono morti oltre 50 Cavalli, tra corse, prove, e Animali abbattuti in seguito a incidenti. Una strage, che purtroppo continua, alimentata dalla follia dei contradaioli e da chi ricava guadagni dall’afflusso dei turisti, tra cui il prete perverso Padovano. Anche questo signore quindi, ha contribuito a tenere in vita questa “tradizione” che odora di morte della piccola città Toscana famosa per il panforte.

Per questi motivi, nella notte tra il 16 e 17 gennaio, militanti di Centopercentoanimalisti hanno affisso sul cancello della “Congregazione di Gesù Sacerdote” in via Giardini 36 a Trento, un enorme striscione diretto a don Andrea Contin. Da voci attendibili infatti, sembra che il prete Padovano sia stato accolto in questo luogo religioso di recupero per i preti macchiati di peccati di origine sessuale.

Alle perversioni di don Contin mancava solo la caccia. Sarebbe stata una “bella lotta” con un altro celebre pervertito: il cacciatore Pietro Pacciani.

Lo  striscione 

Don Andrea Contin

Il blitz alla “congregazione di Gesù sacerdote” a Trento

blitz vs Don Andrea Contin