Michele Tancredi alias Tancretino, il trollone cacciatore e guardone

Tra i tanti trolloni che frequentano la galassia dei social, abbiamo questo soggetto non ben definito, si tratta di un poveraccio frustrato che promette sberloni a destra e sinistra, sempre sui social ovviamente, il suo nome è Michele Tancredi, alias tancretino.

La cosa più divertente di tancretino sono le sue minacce e le fa pure convinto, prende per il culo gli Animalisti per il loro aspetto fisico proprio lui che se andasse a Trieste per tornare a casa, non servirebbe acquistare il biglietto per il ritorno,  basterebbe la bora. Le sue orecchie sono uno spettacolo, dicono che da piccolo era lo zimbello dei coetanei. Sembra che i suoi amici, quando non beccano i programmi satellitari, lo chiamano per sostituire la parabola. Noto guardone locale, famoso in zona per segarsi nei boschi. Nella sua bacheca fb, oltre alle foto publiche che riportiamo, ci sono momenti di “svago” insieme ai suoi amici degni del neorealismo di De Sica anni 40.

Michele Tancredi, alias tancretino, è l’essenza pura della vigliaccheria e la stupidità. Sembra il personaggio scemo dei fumetti di jacovitti. Una cacciatore infame che da piccolo ne deve aver subite di cotte e di crude per via delle parabole e della nappia pronunciata, ecco spiegata la sua passione di merda.

Essendo un cacciatore, di conseguenza è un vigliacco, sfida di continuo Paolo e i Militanti di vari gruppi Animalisti, a conferma della sua vigliaccheria sui social ha bloccato Paolo e non solo lui. Riportiamo alcuni suoi commenti degni delle sue orecchie satellitari (uno vergognoso che si riferisce alla morte della povera Roberta) e ve lo facciamo vedere in tutto il suo spledore delle caverne, anche nell’abbigliamento si denota che i negozi di alta moda sono il suo forte.

   

Ci siamo dimenticati di ricordare che tancretino è sempre circondato da pezzi di sorca

Leggi Anche

Daniele Angelosante il fenomeno che “usava” il logo di Centopercentoanimalisti

Premessa. Dato che questo articolo verrà pubblicato nella nostra pagina, invitiamo i simpatizzanti a non …