SPINO D’ADDA – Continua il lavoro del sindaco di Spino d’Adda Paolo Riccaboni accanto agli animali. Il primocittadino ha emesso un’ordinanza che regolamenta l’accesso libero degli animali da compagnia in tutti i luoghi aperti al pubblico, nei pubblici esercizi e sui servizi di trasporto pubblico. Il sindaco, adeguandosi alla Legge, consente l’accesso degli animali (accompagnati) in uffici pubblici, parchi, nei luoghi pubblici o aperti al pubblico. Per i cani è fatto obbligo di utilizzare il guinzaglio e la museruola da applicare in caso di necessità.

Qualunque deiezione va immediatamente rimossa. Negli esercizi pubblici, e negli esercizi commerciali aperti al pubblico l’accesso di chi è accompagnato da animali è libero. Il titolare di un esercizio può presentare motivata istanza per limitare l’accesso degli animali, ma deve farlo sulla base di concrete esigenze di tutela igienico sanitaria, e, se il comune accoglierà la richiesta di vietare l’accesso agli animali, il pubblico esercizio dovrà apporre all’esterno l’avviso di divieto specifico. In ogni caso, gli animali non possono accedere all’interno di locali utilizzati per la preparazione e la conservazione degli alimenti. Gli animali possono circolare sui servizi di trasporto pubblico, con guinzaglio e museruola e a patto che non rechino disturbo e non sporchino. La sanzione è definita da 25 a 500 euro. Nel caso di imbrattamento, però, il proprietario dell’animale dovrà pagare l’apposita sanzione.
Il sindaco spiega che si tratta di un altro passo “nella creazione di una Spino d’Adda più verde, ecologica e amica degli animali” e anticipa di avere tante altre idee in questo senso, da mettere in pratica a stretto giro.

 

Fonte: http://altocremasco.it/index.php/spino-dadda-a-spino-si-regolamenta-laccesso-libero-degli-animali-di-compagnia-nei-locali-pubblici/