(ANSA) – ROMA, 18 DIC – Il Csm ha sospeso dalle funzioni e dallo stipendio e ha collocato fuori ruolo il pm di Rovigo Davide Nalin, collaboratore del consigliere di Stato Francesco Bellomo nella Scuola di formazione giuridica “Diritto e scienza”. A chiedere il provvedimento era stato il Pg della Cassazione Pasquale Ciccolo, che ha anche avviato l’azione disciplinare nei confronti del magistrato. Nalin è accusato di aver fatto da “mediatore” tra Bellomo e una borsista per procurare al collega “indebiti vantaggi”, anche di “carattere sessuale”. Quello del “tribunale delle toghe” è un provvedimento cautelare, adottato in via d’urgenza. Occorre evitare che Nalin possa reiterare “condotte “gravemente scorrette” e “incompatibili” con le funzioni giudiziarie, aveva scritto Ciccolo nel motivare la sua richiesta. Perchè si tratta di vicende di “tale degrado” da ledere non solo la personale “credibilità” del pm , ma quella dell'”intera giurisdizione”