Ho letto la notizia online ieri pomeriggio, la voce è girata in fretta, ma ho atteso oltre 24 ore per vedere se qualcuno degli impavidi “guerrieri”, molto vicini ai ragazzi arrestati, emanasse un comunicato di solidarietà. Niente, calma piatta. Ben felice di sbagliarmi se mi è sfuggito qualcosa, rimane che schierarsi è sempre difficile per chi usa la rete e far vedere quello che non è,  e non sarà mai. 

I due ragazzi arrestati che hanno distrutto la capanna del cacciatore sono molto giovani ed hanno sicuramente peccato di ingenuità, questo dispiace molto, a volte i “leader” dovrebbero insegnare meglio le azioni e le strategie di boicottaggio. Ma il punto non è questo. Questi ragazzi beccheranno una dura condanna penale, ma si sono messi in gioco per boicottare gli assassini legalizzati, ovvero quei luridi ceffi che uccidono per il gusto di farlo, che tagliano le ali di chi ha la fortuna di vederli dall’alto, che seminano morte, non solo contro gli Animali, anche contro le persone che hanno la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato, al momento sbagliato. I cacciatori, nella classifica degli aguzzini, sono le peggiori merde. Questi luridi si fanno i selfie con le loro vittime, dopo si incazzano se brindiamo quando crepano.

Lo ripeto, a questi ragazzi va la solidarietà mia e del Movimento che rappresento, nonostante la cazzata “tecnica” che hanno fatto. Non illudetevi cacciatori di merda, non saranno gli arresti di questi ragazzi a fermare l’urlo Animalista! la cosa che mi fa ben sperare è che voi siete sempre più vecchi a praticare la vostra infame attività, dalla nostra parte sono sempre di più i giovani che vi contrastano e il 90% dell’opinione pubblica che vi odia.

Paolo Mocavero

Responsabile Movimento Centopercentoanimalisti