On. Sergio Berlato, FI - L’on. Sergio Berlato si è recato oggi in Questura a Vicenza presso l’ufficio della DIGOS (Divisione Investigazioni Generali Operazioni Speciali) per sporgere formale denuncia/querela nei confronti degli animalisti che hanno manifestato di fronte alla Fiera di Vicenza il pomeriggio di sabato 8 febbraio u.s. in concomitanza  con la manifestazione fieristica denominata “Hunting Show-Pescare”.

“Rispettiamo il diritto di ogni cittadino di manifestare democraticamente e civilmente il proprio dissenso nei confronti di idee diverse dalle proprie o di attività non condivise – ha commentato l’on. Sergio Berlato – ma non tolleriamo e non tollereremo alcun tipo di minaccia o offesa o ingiuria rivolta gratuitamente a degli onesti cittadini (uomini, donne e bambini) colpevoli solo di voler passare qualche ora in serenità per assistere ad una manifestazione che esibisce le migliori eccellenze italiane nel settore della caccia, della pesca e della gestione ambientale e dell’utilizzo del tempo libero”.

“Quello a cui abbiamo assistito sabato 8 febbraio davanti alla Fiera di Vicenza – continua l’on. Sergio Berlato – non è una democratica manifestazione di dissenso ma una palese dimostrazione di inciviltà, di maleducazione  e di mancanza di rispetto nei confronti di chi ha opinioni diverse dalle proprie. Nel chiedere come sia mai possibile che certe manifestazioni continuino ad essere regolarmente autorizzate dalle autorità competenti, ho preceduto a sporgere formale denuncia/ querela, con riserva di costituirmi parte civile, contro gli autori di una serie di reati che ci auguriamo possano essere severamente perseguiti come prevede la legge.

Non è più tollerabile – ha concluso l’on. Sergio Berlato – che dei cittadini di “serie a” dalla fedina penale perfettamente pulita siano offesi e minacciati con le loro mogli e con i loro figli, unicamente perché sono cacciatori o famigliari di cacciatori. Se non si porrà rimedio a questa situazione, punendo severamente i responsabili di questi misfatti, si potrebbe ingenerare la convinzione che le forze dell’ordine, anziché proteggere e tutelare le persone per bene, siano costrette, loro malgrado, a proteggere e tutelare i delinquenti che minacciano le persone per bene”.

 

Fonte: Vicenzapiù

 

La nostra breve replica: Berlato si dimentica che a  una azione c’è sempre una reazione, queste foto parlano da sole, ora ci denunci pure e si metta in coda. 

 

DSC_0071 DSC_0074 DSC_0075 DSC_0107 DSC_0119 DSC_0145 DSC_0149 DSC_0153 DSC_0154 DSC_0185 DSC_0197 DSC_0260 DSC_0274 DSC_0292 DSC_0294 DSC_0296 DSC_0317 DSC_0326 DSC_0340 DSC_0347 DSC_0405 DSC_0430 DSC_0444 DSC_0457 DSC_0499 DSC_0503