Lunedì scorso a Padova si è tenuto l’ennesimo processo contro alcuni attivisti ed ex di Centopercentoanimalisti. I fatti risalgono ad alcuni anni fa, le direttive erano: affissione di locandine sui cancelli di due allevamenti di Visoni della provincia di Padova, a Villa del Conte e Bastia di Rovolon. Tra di noi c’era anche il nostro ex Roberto Serafin. Sia chiaro da subito che fare il suo nome ora come ora non cambierà le sorti del verdetto, dato che Serafin non è stato indagato e non si è mai interessato della cosa, quindi…

Andiamo con ordine…

Nell’udienza di lunedì 12 gennaio  la sentenza è stata rinviata a metà aprile. Attenzione! Gli attivisti che hanno partecipato a quelle azioni erano una dozzina circa, ma per Bastia di Rovolon solo cinque sono stati processati.

A Villa del Conte la denuncia per tutti i presenti fu d’ufficio da parte dei carabinieri per manifestazione non autorizzata, sarebbe capitata la stessa cosa per Bastia di Rovolon se il nostro ex si fosse comportato come da direttiva, invece no! Distrusse una cassetta della posta, dando la possibilità agli allevatori di denunciarci… Una persona leale cosa dovrebbe dovuto fare secondo voi? Come minimo interessarsi, ma soprattutto auto denunciarsi all’autorità competente salvando i suoi ex compagni di lotta da una condanna certa per un reato commesso da lui! Insisto, le direttive in quel giorno erano chiare, chiarissime, affissione di locandine e dopo via, ma NON danneggiamenti! Anche perché lo sanno anche alla DIGOS, noi di Centopercentoanimalisti siamo per le azioni di liberazione animale, non per azioni di danneggiamento.

Venerdì scorso mandai un sms a Roberto Serafin, questo il testo: “ Lunedì 12 gennaio io, sandro e altri tre nostri ex probabilmente verremo condannati per la cazzata che hai fatto tu a Bastia vs gli allevatori di Visoni. Io e sandro non abbiamo mai fatto il tuo nome (x gli altri ex non garantisco) e mai lo faremo. Sei ancora in tempo per assumerti le tue responsabilità e non far condannare al posto tuo persone che non c’entrano niente. Il numero dell’avvocato Cinetto ce la l’hai… “ ovviamente non ricevevo nessuna risposta. Onde evitare fraintendimenti, anche se ora il suo nome  è pubblico (l’ha fatto lui per primo anche pubblicamente con il suo comunicato) non cambierà le sorti del processo, solo Serafin poteva intervenire direttamente, il suo nome ai giudici non è mai stato fatto, né da me, né da Sandro Campana, come non è sono mai stati fatti in passato i nomi degli attivisti che agirono a Rovigo anni fa che provocarono la mia perquisizione di cinque ore a casa mia dando vita ad un altro processo in corso, lo ribadisco per far capire anche agli scemi che stanno difendendo l’indifendibile. Io  pago senza problemi le azioni di altri se sono in linea con le nostre direttive. Di recente sono stato condannato per un’azione contro un allevatore di bovini effettuata da altri, non da me, tanto per citare un esempio.

Torniamo a Serafin… sabato scorso di sua iniziativa, Sandro (uno dei possibili condannati) ancora attivo con Centopercentoanimalisti, chiedeva spiegazioni sulla bacheca di Serafin, apriti cielo! I fans di Serafin si scatenavano contro il nostro Sandro scrivendo di tutto, di più… Tuttavia, la provocazione di Sandro portava i suoi frutti, emergeva tutta la vigliaccheria del soggetto, emanava un comunicato di vittimismo, dimmi chi frequenti ORA e ti dirò chi sei.

Riporto senza censure il comunicato di di Roberto Serafin a cui rispondo ad ogni passaggio… buona lettura anche del gran finale! Il comunicato di Roberto è in corsivo le mie risposte in neretto, lo specifico per i babbei che seguono il pusillanime, dato che hanno dato dimostrazione di essere idioti senza scusanti. 

 Rispondo alle pesanti accuse di alcuni componenti del gruppo dei 100%Animalisti del quale ho fatto parte fino a ottobre 2013. Il fatto in questione si riferisce ad un blitz contro un allevamento di visoni del padovano di qualche anno fa.

 Pesanti? Ma dove??? Sono i fatti che parlano da soli! Quali accuse??? Comunque ammetti che c’eri, è un buon inizio…

 Eravamo solo noi contro gli aguzzini, divisi dalla recinzione. Ci sono stati momenti di tensione, come immaginabile, in cui è stato difficile mantenere la calma sia da una parte che dall’altra.

 Cazzo pensavo che ci avessero offerto i pasticcini, hai fatto bene a ricordarlo…

Una volta allontanati, con gli allevatori che ci inseguivano, i carabinieri hanno fermato una nostra auto(quella dei ragazzi in seguito denunciati). L’altra , con me come passeggero è riuscita ad allontanarsi e non è tornata indietro soltanto perché noi a bordo eravamo certi che gli attivisti non fossero in pericolo.

Fammi capire una cosa, se sei scappato via, come facevi a sapere se eravamo in pericolo o meno? Tuttavia, mi sono fatto fermare apposta per coprire la fuga agli altri, come sempre accade quando organizzo manifestazioni non autorizzate, giusto per ricordalo, circo di Mosca docet… se uno dei nostri ex nega questo si deve solo vergognare.

Nei giorni successivi la mia posizione è stata subito chiara, cioè che avrei contribuito con la mia parte alle spese processuali ed eventuali multe, come giusto che sia all’ interno di un gruppo.

Prima bugia… del processo si è venuti a conoscenza un anno dopo… nei giorni successivi un cazzo…

I capi di imputazione sarebbero( uso il condizionale perché non posso vedere le carte processuali e mi attengono a cose riferitemi) manifestazione non autorizzata, minacce, ingiurie e danneggiamento.

Seconda bugia, il capo di imputazione per cinque di noi è solo DANNEGGIAMENTO, se si fosse trattato del resto non sarebbero riusciti a denunciarci… ma poi, se non hai le carte in mano di cosa stai parlando?

Ecco quello che loro non dicono, cioè a cosa fa riferimento questo presunto danneggiamento, che loro ritengono essere la cosa più grave e che ha spinto gli allevatori a sporgere denuncia…

Loro non dicono??? Roberto, ma credi che io sia un dei babbei che ti seguono? Ma allora è proprio vero che cinque anni con noi ti hanno insegnato solo a copiare (malissimo) e niente di più… Gli allevatori hanno avuto la scusa del danneggiamento per denunciarci! E tu lo sai benissimo! Non fare il furbino… non con me!

una cassetta delle poste di legno marcio appesa alla recinzione con un filo, che sarebbe stata danneggiata o rotta.

Insisti, dopo che te l’ho spiegato mille volte… tu puoi anche rompere un cestino dell’immondizia, il reato di danneggiamento rimane!

Ricordo che poche ore prima, in un altro allevamento di visoni, abbiamo fatto lo stesso blitz e siamo tutti ugualmente sotto processo nonostante nessuna accusa di danneggiamento. Il particolare dell’ eventuale danno alla cassetta, tutto da provare, è solo parte delle accuse e non il fatto principale.

Tutto da provare? Basta conservare la cassetta della posta rotta e consegnarla ai carabinieri! Una volta accertata la nostra presenza, tutto il resto vien da se! Tuttavia, a Villa del Conte, dove TU non hai rotto nulla, la denuncia è stata fatta d’ufficio (tra l’altro) dai carabinieri per manifestazione non autorizzata!

Chiedere a me di accusarmi è come dire che siamo tutti colpevoli di una condotta violenta( che non c’è stata fino a prova contraria) e questo non gioverebbe nemmeno ai ragazzi che avranno il processo, che comunque non verrebbero scagionati nemmeno se saltasse fuori il colpevole del presunto danneggiamento.

Terza bugia…Se ti fossi assunto la tua responsabilità,  i ragazzi probabilmente verrebbero assolti per non aver compiuto il fatto! Ostenti processi e parli come il più classico (volutamente) degli ingenui.. confido nelle persone intelligenti che leggono…

Bisogna giocarsela fino in fondo, poi alla fine se le cose andranno male, pieno supporto economico e morale verso chi dovrà pagare.

Certo come no? A parte che non ti sei mai fatto sentire sulla questione, comunque è comodo far condannare gli altri al posto tuo, bravo! Ma tanto paghi (non ti crede nessuno) le spese giusto? Sulla morale poi… lascia stare, sei patetico!

Minacce e offese verso la mia persona non mi toccano, dato che ho la coscienza pulita e so di aver agito nel modo più corretto, non per me ma x il bene dei ragazzi imputati.

Applausi! Meraviglioso! La coscienza pulita e la correttezza… Il top!

Ho una quindicina di denunce x la mia attività animalista ed alcuni processi in corso, chi mi conosce sa che non mi sono mai tirato indietro davanti agli aguzzini e tantomeno davanti la legge!

Forse perchè ti hanno sempre beccato con le mani nella marmellata, cosa dici? Quando non ti hanno beccato sei scappato facendo condannare altri al posto tuo e non hai fatto un cazzo per salvarli… tanto quello che è capitato a noi, visto anche il tuo reiterato comportamento, capiterà anche ai quei babbei che ti credono un eroe… il tempo mi darà ragione. 

Anch’io sono stato messo nei casini da errori commessi in buona fede da altre persone, ma mai mi sono sognato di rinfacciarlo o di fare accuse!

Forse perchè l’azione è stata pianificata in precedenza da tutti? Esempio? Se insieme ad altri compio una liberazione e beccano me, secondo te faccio le spia? Non fare  il furbo con me, non è il caso…

Questi attacchi mi sono mossi, secondo me, solo per gettare fango sulla mia persona e di conseguenza sul gruppo di cui faccio parte e del quale sono il fondatore, ovvero il Fronte Animalista. Da parte loro vedo solo gelosia e l’incapacità di accettare il fatto che me ne sono andato dal loro gruppo(senza mai rinnegare nulla o sputare sul piatto in cui avevo mangiato, anzi…) e proseguito nell’attivismo. Accuse come il fatto di essere pupazzari, ci fa solo sorridere e voglio rispondere con i fatti, quelli li trovate sulla pagina del Fronte! Spero di aver reso chiarezza su questa vicenda, chi volesse contattarmi in privato per ulteriori spiegazioni lo faccia pure!

Roberto, quando hai deciso di andartene dal gruppo, nessuno ti ha fermato, ricordi? Anzi le mie prime parole furono “meglio così, avremo meno casini” dovuti alle tue cazzate! Vuoi negare anche questo? Ci sono testimoni che se hanno anche un un briciolo di onestà intellettuale, lo dovrebbero confermare senza problemi.  Parli di gelosie? Altri fenomeni che ti stanno vicino parlano di invidie… ma di che? Roberto… invidia di che? Ma le foto che posti dei tuoi presidi le vedi o vai a colpi di culo? Pupazzaro? Uno che manifesta con gente che indossa maschere di carnevale come lo definisci? Un guerriero? Eppure una volta anche tu la pensavi così, o vuoi negarlo? Capisco che la voglia di essere in mille ad ogni presidio ti solletica e quindi accetti anche le persone più strane, ma almeno ogni tanto osserva chi ti circonda… a Pinzolo e dagli allevatori (tanto per citare un esempio, ma ce ne sarebbero altri mille che ti riguardano) mi pare che pochi dei tuoi grandi e impavidi guerrieri ti hanno coperto il culo, mi sembra dalle foto che sono girate in rete  che i tuoi grandi compagni di lotta erano più preoccupati a immortalarti steso per terra dagli aguzzini che a darti una mano… gelosia? Invidia? Non scherzare e fai il bravo, dai…

Sarei tentato a pubblicare un po’ di foto di tutti i tuoi amiconi che mi e ci stanno infamando in rete, chi mangia carne, chi indossa pellicce, chi prepara grigliate di pesce, chi va a cavallo e altro ancora, tutta gente che frequenta i tuoi eventi e giustifica il tuo squallido comportamento senza nemmeno ragionare un secondo su quello che hai fatto…

Un paio  paio di foto però le voglio pubblicare, anche perchè passare per fesso non mi è mai piaciuto… accettare tutti può diventare un problema, te l’ho sempre insegnato, ma tu nulla, non hai imparato un cazzo! Che delusione… L’unione fa la forza giusto? Dimenticavo, le offese e le calunnie contro di me e i Centopercentoanimalisti me le dovrai spiegare tu…. provo gelosia e invidia Roberto, soprattutto per questo idiota nel collage fotografico sotto, sono ansioso di leggere i commenti dei babbei che lo giustificheranno…  ciao e buona visione.

PER APRIRE LA  FOTO CLICCARE SULL’IMMAGINE –   DAFFY ALESSANDRO ZANOTTO 

daffy Alessandro Zanotto