Domenica 9 settembre i militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI erano nuovamente a Montagnana (Padova), seppur in numero ridotto, contro il palio, la corsa dei Cavalli, che domenica scorsa era stata rinviata per il maltempo.

Riteniamo che gli organizzatori abbiano deciso di rinviarlo, anziché annullarlo, per non dover rifondere il prezzo dei biglietti venduti (perlopiù a banche o aziende). Non è stata un’idea felice, perché la manifestazione si è svolta in uno squallore incredibile, gli spettatori hanno disertato, i settori riservati al pubblico erano praticamente vuoti.

Noi siamo presenti ogni anno, e da parecchi anni: abbiamo notato nel tempo un calo di partecipanti, ma una miseria simile non si era mai vista. Non hanno neppure montato le tribune come facevano di solito! I pochi spettatori, gli organizzatori e i fantini si sono comunque presi i cori di scherno e riprovazione dei nostri militanti. Non sono mancati lanci di carta igienica.

Al sindaco è stato suggerito, e non per la prima volta, di usare i soldi dei contribuenti per risolvere i numerosi problemi dei suoi concittadini, per primi delle persone senza casa costrette a dormire in un’auto. Il palio va abolito, e speriamo che dopo questa triste esperienza, lo capiscano anche loro.

Senza presunzione, riteniamo che quest’anno il palio di Montagnana abbia toccato veramente il fondo.