Martedì mattina 1 marzo il giudice di Pace del Tribunale di Belluno ha assolto con formula piena il leader di Centopercentoanimalisti Paolo Mocavero e una attivista del movimento, Betty Main perché il fatto non costituisce più reato. I fatti risalgono al maggio del 2015, presso la fiera della caccia di Longarone (Belluno). Il cacciatore Sergio Berlato uscì dalla suddetta manifestazione venatoria e si fermò di fronte al presidio Animalista con l’unico scopo di provocare gli Animalisti, per poi poter denunciarli. Nell’occasione i militanti lo coprirono di insulti di ogni tipo, senza sconti.

Al processo di questa mattina era presente lo stesso Sergio Berlato che sperava in una condanna dei due Animalisti. Niente da fare, il cacciatore è uscito dal tribunale di Belluno sconfitto con le pive nel sacco.

Il nostro leader Paolo Mocavero ha così commentato: “ormai è dimostrato, offendere un cacciatore non è reato, una vittoria per tutti gli Animali e un precedente per tutti gli Animalisti determinati”. Soddisfatto l’avvocato degli Animalisti Marco Cinetto del foro di Padova.