La storia agghiacciante di “Luna” trascinata per 2 Km. Noi di Centopercentoanimalisti non staremo a guardare. 

Il racconto della proprietaria

Buonasera, vi scrivo perche’ il mio cane purtroppo lunedì 21 Ottobre verso le ore 21 scappato ed  stato vittima in un incidente. Il problema non  l’incidente, quelli purtroppo capitano… ma il comportamento del conducente mi ha lasciata sotto shock diversi giorni. Il conducente dell’auto, una polo grigia, investe il mio cane ( un pastore tedesco) ma non si  ferma sul punto dell’impatto e  prosegue strascinandolo per quasi 2km. In prossimità di villa del conte (il paese dopo l’impatto) ha girato per via corse e poi in via Nievo (fronte scuole medie) un quartiere isolato di sera e che fa solo una U (non porta da nessuna parte e comunque prima incongruenza, ha dichiarato che stava andando a casa, abita a San Giorgio in bosco, era nella strada principale, io non ravvedo altro motivo se non quello di cercare un posto isolato per abbandonare il cane).

Dalle foto (che allego la nr 155954) si vede chiaramente che invade la corsia opposta dirigendosi verso il marciapiede, manovra inspiegabile se non per far sbattere il cane sul marciapiede per staccarlo dall’auto ( il cane infatti riporta frattura alla colonna vertebrale).

Una volta che il cane si  sganciato dall’auto nella strada arriva una signora che subito gli chiede cos’e’ successo e lui dichiara che stava passando di là e ha visto il cane in mezzo alla strada. Chiama il 112 e riporta la stessa versione, attende l’arrivo della Veterinaria dell Ulss 15 ,nell’attesa le persone che si fanno avanti parlano di telecamere nel territorio di Villa del Conte, all’arrivo della Veterinaria dichiara solo a lei in modo appartato che aveva visto il cane qualche chilometro prima, pensava di averlo schivato (perche’ ovviamente il colpo con un cane di 40kg non si sente..) e l’ha rivisto in via Nievo (e non si capisce cosa ci facesse in via Nievo). Rilascia i dati e chiede di poter andar via.

Al mio arrivo poco dopo le 21.45 lui se n’era andato da poco mi riferiscono. Il cane era gravemente ferito, colonna vertebrale rotta, organi esposti forte dissanguamento, non ho altra scelta che sopprimere il cane. Ricontatto la veterinaria mercoledì pomeriggio e lei stessa mi conferma che ci sono molte cose che non si spiega relativamente alla vicenda, la informo che ho intenzione di andare dai carabinieri e lei si rende disponibile se hanno bisogno della sua testimonianza.

Giovedì mattina mi reco dai carabinieri di San Martino di Lupari i quali mi riferiscono che avrei dovuto chiamarli quella sera perche’ ora non possono più fare niente. Potrei io fare una querela ma me lo sconsigliano…

Io non sono interessata a querelare questa persona anche se penso che si sia comportato in modo disumano, la mia intenzione era  quella di segnalare l’accaduto in modo che potessero verificare di che persona si tratti. Per non fermarsi all’impatto deve aver avuto un qualcosa di importante da nascondere, e mi chiedo se al posto del cane avesse travolto una persona se il seguito sarebbe stato diverso….. 

 Ad ogni modo purtroppo io quella sera ero sotto shock e ci ho impiegato diversi gg per capire che quella persona andava fermata. Purtroppo per le forze dell’ordine contano più i tempi che i fatti. Io trovo disumano il comportamento di questa persona. Se si fosse fermato subito con tutta probabilità avrei potuto salvare il mio cane.

 Nessuna cifra potrà ridarmi il mio cane e nemmeno ridurre le sofferenze che deve aver provato, pertanto non sono interessata ai soldi. Gli incidenti capitano, come decidiamo di comportarci poi però deve essere responsabilità nostra. Fatemi sapere se voi vi occupate di queste vicende o se posso rivolgermi a qualcuno che nonostante i gg passati possa ancora fare qualcosa

 Saluti

Moira

Luna

Le scie di sangue visibili sull’asfalto anche il giorno dopo