Il blitz di ieri notte ad Arcore, dove nostri militanti locali hanno tappezzato la città con locandine rivolte a Silvio Berlusconi, è stato solo la prima azione nei confronti della candidatura del cacciatore Sergio Berlato nella lista di Forza Italia per le prossime elezioni Europee. Berlato è il patrono dei privilegi dei cacciatori/pescatori, e lui stesso è cacciatore. Il fatto che la notizia sia stata parzialmente censurata da alcuni media, non toglie nulla al significato dell’azione (viva la “libera informazione”!).

La lotta di CENTOPERCENTOANIMALISTI continua: nella notte tra il 31 marzo e il 1° aprile locandine uguali sono state affisse presso la sede di Forza Italia a Padova, negli uffici e nelle aziende dei loro principali promotori locali, Bianzale e Loreggian,  lo studio legale degli avvocati di Berlusconi, Ghedini e Longo, lo studio della coordinatrice di Forza Italia locale, l’avvocato Elisabetta Casellati.

In particolare ci rivolgiamo all’onorevole Michela Brambilla: non possiamo pensare che una persona che, come lei, ha condotto battaglie serie ed efficaci a difesa degli Animali, accetti di trovarsi nella stesso partito con chi, invece, ha sempre agito in senso contrario.

La nostra battaglia continuerà, se non avremo risposte adeguate, ma soprattutto se Sergio Berlato non verrà silurato dalla sua candidatura per Forza Italia alle prossime Europee! Nessuna tregua ai cacciatori e ai loro sostenitori.

Padova (1) Padova (2) Padova (3) Padova (4) Padova (5) Padova (6) Padova (7) Padova (8)