L’avvocato Bacillieri di federfauna emana un comunicato dove pompa all’inverosimile una protesta dei militanti di Centopercentoanimalisti (non autorizzata è giusto dirlo) presunti responsabili di minacce, danneggiamenti (!) e offese, che verranno giudicati il 30 ottobre 2013.

Si dimentica volutamente di specificare che anche gli allevatori di visoni che hanno denunciato i nostri militanti sono stati a loro volta querelati dagli stessi, per offese, sputi e lancio di sassi, già, lancio di sassi all’altezza della testa… questo hanno fatto le “vittime” di Bacillieri…

Lo scopo del responsabile di federfauna è semplice: creare la notizia sensazionale! Premesso che i militanti di Centopercentoanimalisti hanno decine di processi per questi “reati” (difendere chi non ha voce non è un reato, che sia chiaro da subito), il danneggiamento non è altro che una semplice “caduta” di una cassetta della posta degli allevatori vecchia come Cartagine, tanto per capire a cosa si riferisce l’avvocato di Bologna quando parla di “danneggiamenti”.

Ma non è finita qui… l’avvocato NON dice nulla sul suo cliente di Villa del Conte ( l’allevatrice di visoni R.A. ) che ha chiesto il rito abbreviato per difendersi dall’accusa di aver puntato contro Paolo Mocavero (leader storico del gruppo) un fucile a pallettoni (!) … il processo contro questa signora si svolgerà dopodomani, venerdì 14 giugno, presso il tribunale di Padova.

ARTICOLO DELL’EPOCA 

 

il mattino di Padova 21 marzo 2013

il mattino di Padova 21 marzo 2011