Come promesso, Centopercentoanimalisti ha ripreso la campagna di boicottaggio del Trentino, lotta che prosegue ininterrottamente dall’uccisione della povera Daniza. Il nostro Movimento è stato l’unico che non ha mai dimenticato ed ha usato qualsiasi pretesto, sportivo e non, per ricordare la vergogna della provincia Trentina.

Nella notte tra il 31 luglio e il 1 agosto, Militanti di Centopercentoanimalisti hanno iniziato a tappezzare con locandine adesive, una delle zone turistiche nel Sud Est del Trentino, in particolare Lavarone. Il messaggio della locandina è chiaro.

Non sono esclusi in futuro blitz diurni direttamente nelle strutture che ospitano i turisti, alberghi, ristoranti e quant’altro, la vergogna Trentina non deve essere dimenticata, non deve essere censurata.

I politici responsabili colpevoli di tutto questo devono dimettersi, ed è ancora troppo poco. Il boicottaggio contro il Trentino deve continuare. Chi ha fornito il pretesto per il compimento di questi crimini legalizzati deve continuare a sentire il disprezzo e la disapprovazione di tutti coloro che hanno coscienza e sensibilità.

La locandina adesiva

boicotta il Trentino

Il blitz

boicotta il Trentino (1) boicotta il Trentino (2) boicotta il Trentino (3) boicotta il Trentino (4) boicotta il Trentino (5) boicotta il Trentino (6) boicotta il Trentino (7) boicotta il Trentino (8) boicotta il Trentino (9) boicotta il Trentino (10) boicotta il Trentino (11) boicotta il Trentino (12) boicotta il Trentino (13) boicotta il Trentino (14) boicotta il Trentino (15)