Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, ha fatto una gita in Trentino; ed è andato proprio a Pinzolo, dove è in corso la campagna elettorale per le comunali. Pinzolo, lo ricorderemo sempre, è il paese dove è stata vilmente ammazzata mamma Orsa Daniza, con la conseguente condanna a morte anche dei suoi cuccioli, rimasti soli.

Da buon demagogo, è stato prodigo di promesse che sa di non mantenere. Si è mostrato molto preoccupato della salvezza della montagna, che identifica con gli interessi dei proprietari e gestori di impianti sciistici, minacciati da “inique tassazioni”. Per noi invece è l’eccesso di piste e skilift che danneggia la montagna e l’ambiente e gli Animali che ci vivono, ma è una questione di opinioni. Da notare la felpa che indossava, con la scritta “PINZOLO”. Un nome che per noi è sinonimo di vergogna, di violenza gratuita, di insensibilità, di ignoranza.

Militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI, nella notte tra il 9 e il 10 aprile, hanno affisso sui cancelli della sede Lega Nord in via Torricelli, 43 a Verona (obiettivo scelto non a caso, luogo simbolo della diatriba leghista degli ultimi giorni) uno striscione gigante nel quale la felpa di Salvini è stata beffardamente “corretta”, l’Orsa Daniza e i suoi cuccioli non sono stati dimenticati, le azioni di boicottaggio contro il Trentino non si fermeranno.

Lo striscione

135x250 1pz

 

Il blitz

Lega  Nord Verona (1) Lega  Nord Verona (2) Lega  Nord Verona (3) Lega  Nord Verona (4)