Il Comune di Loreggia (Padova) vive nel terrore. Almeno secondo il suo sindaco e altri amministratori locali. La causa sarebbero nientemeno che le Nutrie!

Il sindaco, Fabio Bui, teme di vedersele sulla porta del municipio, ed è disposto ad offrire una ricompensa a chi gliene porta di più (morte, ovviamente). Pensate che il 15 marzo l’assessore responsabile della Protezione Civile, un altro funzionario e una squadra di operai del comune sono stati messi in fuga e inseguiti da due Nutrie “feroci”.

E’ vero che avevano infilato delle assi in una tana, e i poveri Animali sono usciti per difenderla. Ma con un responsabile della Protezione Civile così coraggioso i cittadini possono sentirsi al sicuro. In verità a Loreggia non ce l’hanno solo con le Nutrie. Il piano di uccisioni mirate riguarda anche Volpi, Gazze, Cornacchie, perfino i Colombi: tutti Animali notoriamente “pericolosi”.

Ma ora, sull’onda di un isterismo collettivo e un antropocentrismo esasperato, supportati da una campagna di odio, menzogne e disinformazione di vecchia data, Bui punta il dito contro le Nutrie. Per capire l’uomo, è utile conoscere il suo curricolo. Fabio Bui, classe 1965, veneziano, diplomato in un istituto di preti, è dal 2000 consigliere comunale a Loreggia. dal 2002 è vicesindaco, e dal 2012 sindaco. Precedentemente ha ricoperto incarichi in varie altre amministrazioni comunali. Possiamo dire che il sig. Bui non ha mai lavorato in vita sua? Incistato negli enti locali, ha scalato grado per grado la china della politica.

Abbiamo parlato molte volte delle Nutrie, dimostrando come le varie “colpe” di cui sono accusate siano solo falsità. In realtà l’unica colpa della Nutria è di esistere, e di trovarsi, non certo per colpa sua, in un paese dove gli umani non hanno né empatia né tolleranza per gli altri esseri viventi.

CENTOPERCENTOANIMALISTI dice NO a questo ennesimo attacco contro un Animale innocuo, che ha tutto il diritto di vivere e di essere lasciato in pace. E ci opporremo con tutti i mezzi a ogni piano di distruzione di queste creature, come stiamo facendo da anni. Nella notte tra il 12 e il 13 maggio, nostri militanti hanno affisso uno striscione sull’ingresso del Municipio di Loreggia diretto al primo cittadino.

Fabio Bui Loreggia (1) Fabio Bui Loreggia (2) Fabio Bui Loreggia (3)