Tra i tanti trolloni che seminano odio nei social vs gli Animalisti  troviamo una vecchia conoscenza, Nicola Zago. Fino a pochi anni fa era più offensivo, dopo ha capito che qualcuno si era acorto di lui ed ha blindato il suo profilo. Anche lui, come la maggior parte dei trolloni, segnala a manetta. Fan accanito del circo con Animali, non ha mai perso occasione di rosicare in rete ogni volta che i suoi amici buffoni scappavano da Padova a causa delle proteste di Centopercentoanimalisti.

Come dicevamo, il suo profilo è blindato, ma le sue foto si trovano ancora nelle varie “cache”, quindi per la gioia di tutti coloro che sono stati bersagliati dai suoi commenti e segnalazioni, ecco la sua bella faccia.

Questi alcuni deliri del soggetto, questo è recentissimo, l’ha scritto nella bacheca di una Animalista che aveva festeggiato per  la dipartita di un domatore e lui non ha resistito al rosicamento.

A parte il fatto che che la corte Europea esamina solo casi particolari e nel caso di Rizzi la vediamo dura che accolga il suo ricorso, inoltre siamo convinti che Enrico non è così scemo da essersi intestato anche un solo cappero, tuttavia, ricordiamo a questo fenomeno che la notizia del foglio di via l’abbiamo data NOI di Centopercentoanimalisti, Paolo non abita più a Padova da tre anni, quindi capirai che danno. Il nobel per la tristezza candida di diritto Nicola Zagazzo  quando parla di “umiliazioni”, del resto non è la prima volta che questi mediocri spacciano un documento amministrativo o una multa per un ergastolo. Caro Nicola Zagonzo le uniche umiliazioni le ricevono ogni volta che i tuoi amici circensi mettono il naso a Padova, da 14 anni a questa parte. Prepariamo i conti bancari? Per cosa? Per condanne (solo una non definitiva per Paolo di mille euro di multa) che dopo 6/7 anni sono ancora al primo grado di giudizio? Va bene  che alla tua età e con la faccia che ti ritrovi (a tutto c’è sempre una spiegazione) vai ancora al circo, ma non hai pensato che gli Animalisti dotati anche solo di un briciolo di intelligenza sono preparati nel caso di condanne di risarcimento?

Altri deliri di Nicola Zago il primo screen (ne abbiamo tantissimi) si riferisce alla dipartita di un circense a Brescia e il fenomeno da la colpa agli Animalisti. Peccato per lui che nessuno degli Animalisti sia mai stato indagato, tanto per capire la basezza e le cazzate che racconta questo Hamilton dei poveri.  Il secondo è un delirio completo farcito da una prova che questo si è fermato alle primarie, il “tapetto” di casa ce l’abbiamo tutti infatti.

Ecco la faccia del trollone che si nasconde dietro una bandiera Veneta, da notare che spesso ha dato del “pelato” a Paolo, avete capito? Lui! Da che pulpito!!!  🙂

 

Un maestro del selfie! Le inquadrature sono il suo forte!  

Alcuni articoletti interessanti sui circensi che hanno messo il naso a Padova… Moira Orfei perde la causa… 

  

I circensi scappano (per davvero)

  

Tra i circensi scappati da Padova, anche il Niuman e Mundial