SAREGO. 11 agosto 2016 – Abitava nella frazione di Monticello di Fara in via Divisione Julia 63, di fronte alla chiesa dove domani alle 10 saranno celebrati i funerali. Lascia la moglie Rosalia Gaspari e le figlie Silvia e Annalisa. Conosciuto e stimato, appassionato cacciatore, era referente provinciale e vicepresidente di Federcaccia Veneto, l’associazione presieduta da Flavio Tosi. «Ho avuto modo di conoscerlo e di collaborare con lui per diversi anni – afferma il sindaco di Verona -. Chi ha avuto a che fare con Giancarlo ha sempre avuto l’impressione di trovarsi di fronte ad una persona estremamente corretta, pacata e leale. La sua scomparsa lascia un vuoto nel mondo della caccia e non solo. Al di là delle appartenenze, era un uomo tutto d’un pezzo e di grande serietà. Nonostante fosse affetto da una malattia lunga e difficile da affrontare, e certe volte si capiva che stava male, lui c’era lo stesso e si dava da fare, e questo dà la misura della persona».

«Era un punto di riferimento di Federcaccia, un incarico che aveva già da diversi anni e che svolgeva a titolo volontario e gratuito – precisa Tosi -. Era uno dei più attivi e presenti, portava avanti le cose con vera passione e con un senso della misura, dimostrando più volte il grande buon senso e l’intelligenza. Ci mancherà molto».

Bonavigo è stato comandante della Polizia provinciale di Vicenza fino al marzo 2010, quando è andato in pensione. Fin dagli anni Novanta, ad affiancarlo come vice è stato l’attuale comandante Claudio Meggiolaro. «La sua scomparsa ci addolora molto – afferma Meggiolaro –. L’ho sempre ammirato e rispettato, era una persona capace con cui si lavorava in armonia, sapeva dare il giusto valore alle persone, era uno in gamba e che si dava da fare mettendoci grande impegno. È stata già una perdita quando è andato in pensione. Sapevo che era ammalato ma non pensavo se ne sarebbe potuto andare così presto. Provo un grande dispiacere».

«Bonavigo è una persona che ha fatto tanto per i cacciatori – afferma della sezione di Sarego della Federcaccia, Mirko Dani -. La sua scomparsa si farà sentire parecchio».

Sotto l’impulso del comando di Bonavigo l’organizzazione del corpo di Polizia provinciale ha assunto l’assetto attuale, con le nuove funzioni assegnate tra la fine degli anni Novanta e i primi anni Duemila. Sindaco di Sarego per due mandati consecutivi, è stato eletto la prima nel 1975, e ancora nel 1980 fino alle successive elezioni amministrative del 1985 in cui non si ricandidò. Alla giunta Bonavigo si deve il via ai lavori sul nuovo tratto di strada che collega Monticello alla provinciale 500 alle porte di Meledo e che ha visto la costruzione di due nuovi ponti sul torrente Guà e sul fiumicello Brendola.

Fonte: Il Giornale di Vicenza