30 aprile 2019 –  Dolore a San Benigno Canavese, nel Torinese, per l’improvvisa scomparsa di Paolo Cavalla, medico di famiglia della città. L’uomo, di cinquantatré anni, è morto in un albergo di Cairo Montenotte, nella provincia di Savona: si sarebbe suicidato con un’iniezione letale di cloruro di sodio. Quando, nella serata di lunedì, sul posto sono arrivasti i soccorritori per lui non c’era più nulla da fare. A dare notizia del suicidio del medico sono i quotidiani locali che ricordano la tragedia vissuta dall’uomo meno di due anni fa. Il 17 agosto del 2017 il dottor Cavalla perse suo figlio, un quindicenne che si chiamava Michele e che dopo una delusione amorosa si suicidò a San Benigno Canavese sparandosi con uno dei fucili da caccia che il padre aveva in casa. A quanto emerso, l’uomo non si era mai ripreso da quel dramma familiare. E lunedì sera, lontano da casa e da quel comune dove tutti lo conoscevano per il suo lavoro, avrebbe deciso di farla finita.

Fonte: Fan Page