letame alla sede del parco Pineta (Como) – blitz in difesa dei Cinghiali

Il presidente del Parco Pineta di Venegono (Varese). Mario Clerici, in diverse interviste cerca di giustificare la programmata mattanza dei Cinghiali nel parco che dovrebbe difendere la Natura. Le motivazioni che adduce, assai deboli, sono le solite: i Cinghiali sono troppi, possono essere pericolosi, anche se non hanno mai assalito nessuno.

Non sono Animali autoctoni: certo che no, sono stati importati dai cacciatori per servire da bersaglio; quindi, se fanno danni, li ripaghino le associazioni venatorie. Ed ecco un parco, creato per proteggere gli Animali, trasformato in un mattatoio, con altane, gabbie trappola e lacci di acciaio – come abbiamo documentato con foto.

Evidentemente, è il trend attuale di certe forze politiche affidare la tutela dell’ambiente a chi ama distruggerlo: come nel caso del Parco dei Colli Euganei (PD).

Noi diciamo che tutti gli argomenti di Clerici sono solo pietosi tentativi di mascherare l’incapacità di risolvere i problemi dei rapporti tra gli umani e le altre specie viventi, se non in un solo modo: distruggendo e uccidendo.

Ora ci mancava la delibera della Regione Lombardia che impone alle Polizie Provinciale di creare squadre di volontari per ammazzare Cinghiali e altri ungulati (Cervi, Caprioli) anche sulla neve e fuori dagli ambiti di caccia. Prima la formazione delle squadre di killer era volontaria, ora è obbligatoria.

Ad avere la grande idea, Alessandro Fermi (Forza Italia ma in fuga verso la Lega), lo stessa genio che nel 2015 abolì l’obbligo di licenza per i pescatori (cosiddetti) sportivi…

Purtroppo, la gestione della “natura” è in mano ai suoi peggiori nemici. Chi si ritiene animalista, o anche solo ambientalista, dovrebbe riflettere alle prossime elezioni.

Per far capire che al presidente del parco Pineta (e non solo lui) che gli Animali non sono bersagli per gli assassini legalizzati, e che noi non molleremo le nostre legittime proteste, nella prima serata di mercoledì 19 maggio, alcuni Militanti del Movimento Centopercentoanimalisti hanno versato oltre 30 Kg di letame (puzzolente) davanti all’ingresso della sede del parco Pineta, in via Manzoni, 11 a Castelnuovo Bozzente (Como), inoltre sono stati appiccati manifesti contro i cacciatori e altri di “riflessione”. Fino alla fine Animali liberi!

Leggi Anche

sagome con Animali per il tiro a bersaglio nel parco di Turate

A Turate (Como) nel bel Parco dei Veterani non è ammessa l’entrata dei Cani. E’ …