In Alto Adige autorizzata la caccia alle marmotte. 

10 SETTEMBRE 2015 – di Antonio Palma. Via libera alla caccia delle marmotte in Alto Adige. l’assessore provinciale all’agricoltura della provincia autonoma di Bolzano, Arnold Schuler (Svp), infatti ha firmato il contestato decreto riguardante l’autorizzazione dell’abbattimento di marmotte, classificate tra le specie protette nel resto d’Italia. L’iniziativa ha subito trovato la netta opposizione degli animalisti che sono già da tempo sul piede di guerra contro l’amministrazione locale. Secondo quest’ultima però il provvedimento era necessario perché i danni causati dagli scavi e dai cunicoli delle marmotte rappresentano un pericolo per l’economia dell’alpeggio. Per i vertici del settore agricolo provinciale alto atesino, infatti, nonostante i contributi versati ai contadini per la loro rifusione, la carenza di manodopera e l’impossibilità di utilizzare i macchinari rendono non economica la loro cura e risistemazione.

Per quest’anno nella provincia sono stati denunciati danni ai prati causati dalle marmotte, nei quali i loro scavi e cunicoli hanno danneggiato almeno il 10% della superficie complessiva, in 210 località e 429 parcelle catastali. Per questo il decreto autorizza la caccia alle marmotte laddove siano stati registrati “danni rilevanti nei prati da sfalcio, nelle loro vicinanze, nonché presso infrastrutture a rischio”.

Fonte: Fanpage News