5 settembre 2019 – Sarà il caldo, sarà per la pressione di quei genovesi mugugnoni che si lamentano dei padroni di cani che non puliscono le pupù delle loro bestioline, fatto sta che in una riunione di giunta, il sindaco Marco Bucci si sarebbe lasciato andare ad una frase che ha gelato la maggior parte dei suoi assessori e consiglieri delegati. “Io da bambino – avrebbe detto il sindaco Bucci – prendevo i gattini appena nati, li chiudevo in un sacchetto e li affogavo. E le mamme che non riuscivo a prenderle, le infilzavo con le stecche degli ombrelli, per ucciderle. In più, fosse per me, sopprimerei tutti i cani”. Battuta di cattivo gusto o racconto di un’infanzia segnata dal sadismo?

Seppur abituati ai suoi modi bruschi, molti fra gli assessori e i consiglieri, specie coloro dei quali è nota la passione animalista, sono rimasti inorriditi da questo inatteso lato “pulp” del primo cittadino. Attraverso il suo portavoce il sindaco Bucci fa sapere che “la frase non corrisponde al vero. Chi l’ha riferita ha estrapolato e interpretato una frase dal contesto di una conversazione”. Dove sta la verità? Signora mia, è proprio il caso di dire: che cagnara! Anche se due persone presenti hanno confermato a Repubblica la frase, venire a capo di questo mistero agostano è impresa ardua.

La fuga di notizie sulla triste sorte dei gattini è stata comunque mal digerita dal sindaco che, in una successiva riunione di giunta, ha detto di avere le idee chiare su chi spiffera le notizie alla stampa. Ma, per fortuna, non ha tirato fuori le stecche degli ombrelli.

Fonte: Repubblica