Prima di tutto facciamo i complimenti ad Enrico Rizzi che, nonostante l’emergenza coronavirus, è riuscito ad andare sotto casa del soggetto che ha trascinato e ucciso in maniera atroce il suo povero Cane. Purtroppo nulla ci fa pensare che l’infame che ha compiuto quell’azione crudele verrà punito dalla legge come merita, i quattro bastardi di Sangineto che avevano martoriato il povero Angelo hanno confermato che in Italia non si va in galera per aver inflitto torture ai poveri Animali. In questo ultimo caso l’infame in questione forse verrà addirittura assolto e vi spieghiamo perché.

Voci dicono che si sia giustificato dichiarando che si fosse dimenticato di aver legato il suo Cane all’auto. Voi direte che però c’è la testimonianza del ragazzo che lo ha seguito riprendendo la scena fino a bloccarlo. Prove assolute giusto? Per tutti noi ovviamente sì, tuttavia, pensiamo che lui per difendersi al processo, oltre a confermare che non si fosse accorto del cane legato all’auto, sosterrà che alla vista dell’inseguitore aveva accelerato perché pensava  ad una aggressione. Una volta bloccato dal ragazzo è sceso, ha visto il Cane martoriato e in preda ad uno stato confusionale lo ha gettato nel campo. Ma c’è di più, per assurdo potrebbe denunciare il ragazzo incolpandolo della disgrazia per averlo spaventato e per violenza privata, dato che si è messo di traverso bloccandogli la strada.

Perché vi abbiamo scritto queste ipotesi? Perché conosciamo la legge che, nel caso specifico, potrebbe dare una scappatoia per i fatti elencati sopra all’infame. Speriamo ovviamente di sbagliarci, ma la cosa che ci fa indignare sono tutti quei fenomeni che si incazzano contro gli Animalisti che chiedono giustizia vera! Questi ci fanno salire il sangue al cervello! La fortuna di questi assassini è che non hanno mai trovato persone che fanno capire, sopratutto con le maniere determinate,  che gli Animali devono essere rispettati! Intanto le varie associazioni stanno facendo a gara per costituirsi parte civile, risarcimenti, soldi e andiamo avanti così…

la gente si dimentica spesso come sono andati i vari processi degli assassini di Animali, a Sangineto c’era la premeditazione, l’azione cruenta filmata, c’erano tutte le carte in regola per sbattere quelle quattro merde in galera per davvero, invece non hanno preso nemmeno un giorno! E del povero Cane bastonato e ucciso dai pastori di merda a Breno? Ve lo ricordate? Il colpevole è stato assolto perché dichiarò che il cane era “impazzito” rischiando di fare male a qualcuno! Piccola parentesi. Lo sapete perché i pastori di merda fanno sparire i loro Cani? Durante il periodo della transumanza nelle dimore invernali diventano un costo! In alcune Regioni i pastori per legge devono avere un Cane ogni cento pecore, fate due conti.

La chiudiamo qui, chi vuol capire capisca, noi purtroppo siamo attivi in due Regioni del Nord,  chi ha fatto male agli Animali in passato nella nostra zona  se ne guarda bene a rifarlo, non a caso a Paolo hanno dato un foglio di via dopo che aveva scoperto tutto sui bastardini che avevano massacrato e ucciso a calci una povera Gallina. A proposito, sembra che quel caso sia stato archiviato.