Solo un paio di righe per descrivere quello che è accaduto nelle ultime ore. La foto di copertina è del diretto interessato “colorata” con  Animali vigliaccamente uccisi dai suoi amici che tanto stima. 

1) Un pennivendolo di Treviso si indigna per la nostra indifferenza nei confronti della morte di un cacciatore (suo amico).

2) scrive il suo articoletto che leggiamo anche noi

3) non gradisce di essere definito da noi un pennivendolo

4) si incazza

5) contatta animalari locali (Adriano De Stefano ENPA e Mara Canzian OIPA) per scrivere un altro articolo contro di noi e gli animalari  (infami) si prestano al suo gioco

6) decide di contattare tutti i colleghi di vecchia data

7) chiede di scrivere un articolo contro di noi

8) il suo scopo e metterci in cattiva luce  (sticazzi non ce li mette?) 

9) il pennivendolo si chiama Mauro Favaro (negli articoli si firma Favarom)

Conclusioni.

Se il pennivendolo pensava di farci un dispetto, non ha capito nulla, del resto, se scrive per la redazione locale di un quotidiano che sta chiudendo sedi e vende sempre  meno cartacei  in tutto il Nord Est, un motivo ci sarà. 

La cosa singolare? ANSA (agenzia di tutto rispetto) ha raccolto l’invito, sarà un caso? (Aprite la foto sotto.) Favarom fai pena 😉 

 Mauro Favaro pennivendolo del Gazzettino di Treviso