Joe Formaggio non è un personaggio dei cartoni animati, e nemmeno un pronipote della macchietta napoletana portata sulle scene da Nino Taranto. E’ il sindaco di Albettone, paesino tra i colli nella provincia di Vicenza.

CENTOPERCENTOANIMALISTI si è già occupata di lui, in occasione del suo appoggio alla fiera della morte, Hit Show, di Vicenza. E’ poi famoso per le sue esternazioni razziste, l’invito a sparare a Rom e migranti, la tassa ai Gay e altro. Essendo un sostenitore della caccia, ovviamente non vede di buon occhio gli Animali.  Non per niente fa parte di Fratelli d’Italia, partito dei cacciatori, come Sergio Berlato che dei cacciatori è il patrono.

La sua trovata è aver imposto, nel ristorante di cui è comproprietario con i fratelli (la Torre, via San Vito  a Lovertino in provincia di Vicenza), il pagamento del “coperto” per i Cani che accompagnano i clienti. Per lui i Cani sono “umidi e puzzolenti” (parole sue). A parte l’aspetto grottesco della cosa, è una chiara espressione di intolleranza e disprezzo verso questi Animali. Speriamo che non solo chi vive con Cani, ma chiunque ami gli Animali eviti di entrare in quel locale. 

L’ultima prodezza di Formaggio? In una trasmissione di Radio Padova condotta dal giornalista Alberto Gottardo e il noto dj Barry Mason, ha dichiarato che sparerà col suo fucile a pompa sugli “animalisti”, se andranno a contestargli il “coperto per Cani”. Una boutade gravissima, che configura il reato di minacce gravi. Qualcuno dovrebbe intervenire: come può un pubblico amministratore permettersi uscite del genere? 

Militanti locali di CENTOPERCENTOANIMALISTI, nella notte tra 9 e 10 gennaio, hanno affisso su una bacheca del Municipio di Albettone e sul cartello di entrata del paese, manifesti diretti a lui, riportando anche un famoso proverbio Veneto, con una piccola sostituzione… Affisso anche un manifesto vs la caccia che non guasta mai. 

Il manifesto

Municipio di Albettone

 

Albettone