Una situazione fin troppo frequente nelle campagne: Cani usati come antifurto a costo zero, tenuti nel modo più indegno. Questa volta sono in provincia di Rovigo, sulla strada provinciale tra Corbola e Ariano, in via Linea. Si tratta di due Cani che un agricoltore tiene a catena da quando sono finiti tra le sue mani  in una struttura fatiscente, senza alcun riparo, esposti al freddo invernale e al caldo afoso estivo, e alla pioggia che nella zona (molto umida) cade abbondante. Naturalmente senza cure veterinarie e nutriti non si sa come.

Gli Animali sono SEMPRE legati a catena. Purtroppo molte persone tengono Cani, magari adottati in canili o rifugi che NON fanno adeguati controlli pre e post affido, sfruttandoli senza alcun riguardo come antifurto nelle loro proprietà, e sostituendoli quando muoiono (in genere dopo quattro o cinque anni). E’ un’usanza incivile e barbara, contro la quale ci siamo sempre battuti.

Nella notte tra il 6 e il 7 maggio, militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI hanno affisso uno striscione di avvertimento per i detentori dei Cani, sul cancello della proprietà agricola in via Linea. E’ solo un primo atto della lotta per restituire dignità e benessere agli Animali, se le cose non cambieranno seguiranno azioni ben più incisive.

Il video dei due poveri cani

 

Le foto

cani (1) cani (2) cani (3) cani (4)

 

Il blitz notturno 

Rovigo