Continua la protesta di Centopercentoanimalisti contro Decathlon, dopo il blitz a Saronno nei giorni scorsi, come promesso, i nostri Militanti hanno tappezzato lo store di Padova. Per chi si fosse perso il primo blitz, riportiamo per interno i motivi della nostra contestazione.

Decathlon, la nota catena di market di articoli sportivi, ha toppato di brutto. Ha aperto nei suoi punti vendita una linea di accessori per la caccia. Saranno venduti, oltre a indumenti, sagome di Anatre, reti per catturare Uccellini, richiami acustici, anelli da mettere alla zampa di Anatre vive da richiamo, cui legare una cordicella perché non scappino, e altri corredi per ammazzare Animali.

Riteniamo sia immorale far passare la caccia come attività sportive. Presentarla allo stesso livello di trekking, jogging, nuoto, ginnastica etc. la caccia è un’attività distruttiva, crudele, dannosa per l’ambiente, senza parlare dei pericoli che i cacciatori creano a tutti i cittadini.

Solo individui sadici e malati possono provare piacere uccidendo e provocando sofferenza. Lo sport non ha nulla a che fare! Decathlon dovrebbe avere maggior senso morale, al di là del vile guadagno.

Militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI nella notte tra il 30 e 31 marzo, hanno affisso sulla recinzione del punto vendita Decathlon in via Venezia a Padova, un manifesto contro la caccia con l’icona dei cacciatori Pietro Pacciani,  e uno striscione che invita l’azienda a riflettere. Decathlon dimostri buon senso e faccia un passo indietro, solo allora le nostre azioni termineranno.

Dcatlhon Padova (1) Dcatlhon Padova (2) Dcatlhon Padova (3) Dcatlhon Padova (4) Dcatlhon Padova (5) Dcatlhon Padova (6)