Per chi non avesse seguito la vicenda, riassumiamo: il 16 agosto nostri militanti si sono recati  a Facca di Cittadella (Padova) per monitorare le condizioni di un Cane, a seguito di una segnalazione ricevuta. Hanno trovato un cucciolo rinchiuso tutto il giorno in una gabbia di m 2×2, sempre solo, senza ripari per il sole.

Sono stati chiamati i Carabinieri che sono intervenuti sul posto ed hanno verificato la situazione. Dopo una settimana, non è cambiato nulla. Anzi, la persona che ha dato il cucciolo agli attuali detentori, dopo essere stata contattata, scrive che non c’è maltrattamento.

Ignoranza o malafede? Un Cane è un Animale sociale, ha bisogno di vivere assieme a qualcuno, sia un branco, una famiglia o un umano singolo cui si affeziona. In particolare un cucciolo si sente abbandonato, cosa che per lui è la peggiore angoscia e paura. Un Cane ha bisogno di muoversi, di correre, di giocare, di vedere posti nuovi, di fare esperienze. DI DARE E RICEVERE AMORE, affetto, carezze. Fargli mancare tutto questo E’ maltrattamento grave. Anche la normativa della Regione Veneto lo afferma.

Militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI, nella notte tra il 23 e 24 agosto, hanno affisso striscioni del Movimento e  lanciato decine di volantini di denuncia a Cittadella, precisamente sulla porta d’ingresso del Municipio (per la giunta una gabbia di 2 metri X 2 è regolare), nel giardino dei “secondini” dove si trova il povero Cucciolo, presso la ditta dove lavora chi ha dato loro il Cagnolino e nega il maltrattamento.

Questo per sbloccare la situazione; se non basterà, saranno fatti in tempo breve presidi costanti di denuncia, davanti all’abitazione e posto di lavoro dei diretti interessati.

Il volantino 

volantino

Il blitz

Cane Facca (1) Cane Facca (2) Cane Facca (3) Cane Facca (4) Municipio Cittadella (1) Municipio Cittadella (2) Municipio Cittadella (3) Municipio Cittadella (4)

Il  nuovo manifesto del Movimento Centopercentoanimalisti

Manifesto Centopercentoanimalisti