9 marzo 2019 –  Riscontrate numerose irregolarità all’interno del locale, dal punto di vista igienico sanitario: dai prodotti ittici scaduti agli alimenti e gli ingredienti per la preparazione dei piatti ammuffiti, fino ad arrivare agli escrementi di gatto e di topo accanto ai vassoi predisposti per la serata.

E poi la fuga dei lavoratori in nero che hanno messo a repentaglio anche la loro incolumità. In 10 infatti, impiegati in nero, alla vista dei carabinieri si sono nascosti chiudendosi nella cella frigorifera del locale. I militari hanno sequestrato, il cibo, l’area della cella frigorifera e denunciato il titolare un 56enne del posto, S.G., sanzionato per 40mila euro. Oltre alla sospensione della serata è seguita infine la revoca della licenza di somministrazione di alimenti all’attività gestita dal 56enne.

Fonte: Soverato Web