Legnano (Milano), 8 aprile 2018 – Mattinata drammatica sulla pista del centro ippico La Stella di Legnano, dove ieri si stava svolgendo la prima delle due giornate di corse di addestramento, protagonisti quasi tutti i cavalli e i fantini che poi corrono la Provaccia e il Palio con i colori delle otto contrade della città del Carroccio.

Una sorta di antipasto della kermesse che ogni anno nell’ultimo fine settimana di maggio raduna allo stadio Giovanni Mari decine di migliaia di persone. Doveva essere un’occasione di festa, nella quale i contradaioli, le reggenze e gli esponenti del Collegio dei capitani – il Collegio è l’associazione che presiede praticamente tutti gli eventi e le iniziative del mondo del Palio a Legnano – avrebbero respirato finalmente l’atmosfera frizzante della kermesse ippica. Invece è stata una mattinata di paura. Durante a seconda delle otto corse previste, il cavallo condotto dall’esperto fantino Dino Pes ha avuto un cedimento alle zampe anteriori, di cui non si conoscono le cause. Mentre il cavallo condotto dal fantino Andrea Mari era in testa e quindi già passato sulla pista, gli altri si sono trovati di fronte l’animale e il fantino caduti senza poterli evitare: il cavallo condotto da Martin Ballesteros e quello di Gavino Sanna sono così stati coinvolti in un terribile incidente a catena dove ad avere la peggio è stato Dino Pes, che ha ricevuto un pesante colpo al torace da parte di uno degli animali che stavano sopraggiungendo. Colpito anche Gavino Sanna. I due fantini sono stati soccorsi e portati in ospedale in ambulanza: per Sanna si parla della frattura di una tibia, mentre Pes ha avuto conseguenze più serie, con un trauma toracico e problemi a un polmone. Nessuno dei due è però in pericolo di vita.

Molto gravi invece le condizioni di uno dei cavalli coinvolti nell’incidente. L’animale è stato rapidamente soccorso, sedato sul posto e portato in unaclinica veterinaria specializzata con la horse ambulance. Dopo le operazioni di soccorso le corse sono riprese, sia pure in modo parziale e con notevoli ritardi. Dieci anni dopo la morte di Balosso, cavallo che fu abbattuto nel 2008 a seguito di un infortunio rimediato durante la Provaccia, tornano quindi a farsi vibranti le polemiche attorno del mondo del Palio di Legnano. «Povero cavallo», «Bisogna stare più attenti e non giocare con la salute degli animali»: diversi i commenti in Rete degli animalisti subito dopo l’incidente sulla pista del centro ippico legnanese. «Sarebbe potuto succedere in qualsiasi corsa, un incidente del genere non può essere previsto» ribattono alcuni degli organizzatori della manifestazione. Ora si guarda alla seconda giornata di corse di addestramento, che si svolgerà domenica 22 aprile sulla stessa pista.

Fonte: Il Giorno