8 settembre 2018 – Rischia una multa salata, sino a seimila euro, il bagnante che l’altro ieri, giovedì 6 settembre, a San Pietro in Bevagna marina di Manduria, ha catturato un cucciolo di pesce spada che si aggirava disorientato a pochi metri dalla riva. L’uomo, fotografato e videofilmato da numerosi testimoni che hanno poi pubblicato tutto sui social, ha esibito il piccolo esemplare ancora agonizzante come un trofeo prima di allontanarsi appropriandosene. Contravvenendo quindi alle leggi che tutelano questa ed altre specie marine quando sono al di sotto di determinate misure. La taglia minima per i pesce spada, secondo la normativa in vigore, è di 140 centimetri, molto al di sopra di quanto misurava il «trofeo» pescato dallo sconosciuto che nessuno dei numerosissimi bagnanti ha saputo fermare.

Fonte: La Voce di Manduria