È successo a Ciudad Rodrigo in provincia di Salamanca durante una corsa dei tori organizzata in occasione del carnevale: uno studente americano di 20 anni che partecipava alla manifestazione è rimasto gravemente ferito. I sanitari gli hanno riscontrato due ferite profonde tra i 30 e i 40 centimetri alla gamba. Una delle incornate è arrivata alla regione perianale provocando numerose emorragie.

 

Nella stessa giornata sono rimasti feriti anche uno spagnolo di 31 anni e un turista scozzese di 46: per quest’ultimo si tratta di un trauma cranico. Il Carnaval de Toros è uno dei più antichi di Spagna: addirittura esiste un documento risalente all’epoca dei re cattolici (1493) nel quale si recrimina a Ciudad Rodrigo una spesa eccessiva per festeggiare il carnevale.

Da allora tutte le attività che coinvolgono il toro rappresentano il clou della ‘festa’ dove si mescolano le maschere alla tauromachia. L’evento ricorda quello più celebre di Pamplona che ogni anno scatena le proteste degli animalisti che considerano questa tradizione una atrocità gratuita nei confronto degli animali.

Ogni anno migliaia di tori sono barbaramente uccisi in tutto il mondo durante le corride. Da momento in cui entra nell’arena, il toro non ha speranza. Sono indeboliti dalle percosse, e gli viene messa gelatina negli occhi per compromettere la vista’ accusa l’associazione ambientalista Peta.

Fonte: Eco Seven