Nel luglio del 2014, il leader del Movimento Centopercentoanimalisti Paolo Mocavero veniva condannato a due mesi di reclusione in primo grado dalla procura di PADOVA,  per aver diffamato un allevatore tramite striscioni affissi a un distributore di latte, che denunciavano la crudeltà che si nasconde dietro gli allevamenti in questione.

Oggi la corte di appello di Venezia ha dichiarato la prescrizione del reato evidenziando l’insostenibilità dell’accusa ipotizzata dalla procura di Padova. Cade quindi la condanna di primo grado e di fatto Paolo Mocavero è assolto.

Il nostro leader ha commentato così “una grande vittoria per gli Animali e per tutti gli Animalisti che si espongono con determinazione per difendere chi non può farlo”. Paolo Mocavero era difeso dall’avocato Marco Cinetto del foro di Padova.