Probabilmente si è suicidato dandosi fuoco Pierluigi De Punzio, il 34enne il cui cadavere semicarbonizzato è stato trovato questa mattina presto in un terreno di proprietà della sua famiglia nelle campagne di Torre Santa Susanna (Brindisi). Sarà l’autopsia a confermare eventualmente l’ipotesi dei carabinieri, che hanno ricostruito quanto accaduto nelle ore precedenti il ritrovamento del corpo senza vita. Secondo quanto emerso dagli accertamenti dei militari, l’uomo avrebbe accoltellato nel corso di una lite avvenuta in strada la sera di Capodanno la sua ex fidanzata, la 25enne di Torre Santa Susanna Federica Guzzo, e il nuovo compagno di lei, il 28enne di Mesagne Daniele Scredi. De Punzio avrebbe aggredito la coppia per gelosia e il litigio sarebbe stato segnalato ai carabinieri da alcuni passanti che hanno assistito alla violenza. Poi probabilmente, dopo il duplice accoltellamento, l’uomo è scappato via e si sarebbe suicidato.
Entrambi i feriti ricoverati in ospedale – Stamane nelle vicinanze del cadavere è stato trovato anche il furgone con cui il 34enne si era allontanato dal luogo della litigio, completamente bruciato e con la portiera aperta. Durante gli accertamenti investigativi dei carabinieri, coordinati dal pm Milto Stefano De Nozza, è stato trovato anche un fucile da caccia che apparteneva al responsabile del duplice accoltellamento ma che a quanto emerso non era funzionante. Entrambi i ragazzi accoltellati ieri sera sono attualmente ricoverati in ospedale: la donna è a Brindisi, il fidanzato a Lecce. La donna, che ha riportato lesioni alla gola e al torace, sarebbe in gravi condizioni.
Fonte: FanPage