Savona. Non è andata bene la “caccia” per un anziano residente a Lavagnola, che nel tentativo di fabbricare una trappola letale per i cinghiali si è sparato da solo.

L’uomo, P.O., nato in provincia di Cuneo nel 1941, ha utilizzato un fucile per fabbricare, attraverso un sistema di fili, una trappola grazie alla quale l’arma avrebbe sparato ai cinghiali nel momento in cui gli animali fossero entrati nel terreno. Per qualche ragione, però, l’arma ha fatto fuoco sul 73enne: il proiettile gli ha trapassato anca e gambe, costringendolo a presentarsi all’ospedale San Paolo di Savona per le cure del caso.

Il personale medico, insospettito dalla ferita d’arma da fuoco, ha avvertito la polizia che ha scoperto l’accaduto e ha denunciato l’uomo per una serie di reati in materia di armi: fabbricazione illegale, detenzione di armi non custodite, caccia al di fuori della stagione venatoria e utilizzo di arma da sparo con silenziatore impostata con scatto provocato dalla preda.

Fonte: IVG.IT