Pinzolo, 5 ottobre 2017 – I soccorsi sono stati allertati alle ore 9.20 di stamane e sono subito intervenuti con un’ambulanza e l’elisoccorso. La condizioni di Arrigo Bonapace, di 76 anni della val Rendena sono però apparse subito gravissime. Alcune funzioni vitali nel primo bollettino medico risultavano già compromesse. L’anziano era caduto rovinosamente da un sentiero e aveva sbattuto violentemente la capo.  Ricoverato in rianimazione è morto poche ore dopo. Una morte assurda e sfortunata, infatti per l’anziano sarebbe bastato cadere fra l’erba per salvarsi, invece purtroppo la sua testa ha sbattuto su una roccia rendendo un piccolo incidente letale. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della compagnia di Riva del Garda che hanno ricostruito la dinamica dell’incidente mortale. I rilievi dei militari uniti alla testimonianza del figlio Dario, il primo ad intervenire a soccorso del padre,  hanno confermato la natura accidentale della tragedia.

Arrigo Bonapace era un ex artigiano in pensione e persona molto conosciuta e apprezzata a Carisolo dove viveva con la famiglia. Era un appassionato cacciatore che si era da sempre dedicato al lavoro e alla famiglia. Lo piangono con sconforto la moglie, i figli Marina, Claudio e Dario, già consigliere comunale di Carisolo.
Fonte: La Voce del Trentino