8 dicembre 2016 – Un via vai incessante di tantissimi amici alla camera mortuaria dell’ospedale di  Camerino, per dare l’ultimo saluto a Francesco Ilari, un ragazzo molto  conosciuto per la sua attività (era titolare dell’agriturismo “Cavaliere  Errante” a Braccano di Matelica). Tanti in queste ore si stringono ai genitori  Ivano e Franca, ai nonni, alla fidanzata Gessica. Chi lo ha conosciuto lo ha  descritto come una persona solare, pieno di amici e di tante passioni, prima tra  tutte quella per i cavalli e la natura, aveva il dono di trasmettere allegria  alle persone.

Non aveva avuto paura di impegnarsi, dopo il diploma all’Itis, nella conduzione  dell’attività agrituristica, diventando imprenditore e impegnandosi a tempo  pieno, con grande soddisfazione. Era riuscito a far conoscere il suo locale  anche fuori provincia, amava girare con il suo quad in mezzo alla natura, ogni  tanto faceva qualche battuta di caccia. Tantissimi gli amici che increduli in  queste ore lo hanno voluto ricordare con messaggi di cordoglio, sul suo profilo  Facebook. Gli scrive Giancarlo: “Il mondo ha perso un valoroso guerriero sia nel  lavoro che nella vita”. Riflette sul senso delle passioni l’amico Alex e  sull’impegno che Francesco Ilari aveva messo nel suo agriturismo: “Non si può  vivere senza passioni, purtroppo si può morire per le stesse. Ragazzo per certi  aspetti di altri tempi, perfettamente integrato nell’era moderna. Ho avuto il  piacere di conoscerti e condividere con te parte del tuo lavoro. Lavoratore  appassionato e fiero, legato alla sua terra (mi ha colpito uno dei tuoi ultimi  post nel quale ribadivi l’amore per ciò che ti circondava).

I funerali di Francesco Ilari si terranno domani alle 10,30 nella chiesa di  Regina Pacis di Matelica. L’incidente in cui il giovane ha perso la vita è  avvenuto intorno alle 14 di ieri. Stava percorrendo alla guida del suo quad una  ripida salita quando il mezzo si è rovesciato e il 33enne ha battuto la testa su  di un sasso. A scoprire quando accaduto alcuni amici cacciatori del giovane che  ieri erano in zona. Per i soccorritori non è stato possibile fare nulla per  salvargli la vita.

Fonte: Cronache Maceratesi