L’intelligenza e la correttezza non sono peculiarità degli spot pubblicitari, salvo rare eccezioni. In quello più recente della Vodafone si vede l’attore Bruce Willis che colpisce una splendida Tigre, con un cerchione di automobile.

A parte che, nella realtà, Bruce contro una Tigre non avrebbe avuto speranze (altro che cerchione!), ci domandiamo perché, con tanti soggetti possibili, sia stato scelto ancora una volta un atto di violenza contro un Animale. Cosa si vuol dimostrare, dietro l’immagine? Che l’umano è più forte di altri Animali? Che un Animale si può sempre colpire? Non dovrebbe invece chi manovra i media lanciare messaggi di tolleranza ed empatia verso tutti gli esseri viventi?

Ancora una volta viene fatto cattivo uso della comunicazione, diffondendo messaggi negativi. Ci sarebbe piaciuto che Bruce Willis, piuttosto, aiutasse un Animale in difficoltà.

Per denunciare questa visione distorta della realtà, tanto più pericolosa in quanto chi guarda non si rende conto del suo reale significato, militanti del movimento CENTOPERCENTOANIMALISTI, nella notte tra il 24 e 25 ottobre, hanno affisso sulla recinzione del “vodafone village” in via Lorenteggio, 240 a Milano uno striscione gigante di protesta.

Invitiamo la vodafone a fare marcia indietro, ammettere l’errore di comunicazione e togliere lo spot ignobile, in caso contrario le azioni di boicottaggio continueranno. 

Lo striscione Gigante

striscione

Il Blitz al Vodafone Village

vodafone (1) vodafone (4) vodafone (5) vodafone (6)