Preso killer di gatti: trovava i mici in rete, poi li uccideva e mandava foto su WhatsApp
A Bergamo consultava i siti attraverso cui si affidano le cucciolate appena svezzate. Le donne che gli avevano affidato i cuccioli in buona fede ricevevano sul telefonino le immagini delle sevizie. Indaga la forestale
Preso killer di gatti: trovava i mici in rete, poi li uccideva e mandava foto su WhatsAppAndava a caccia di gattini su Internet, consultando i siti attraverso cui padroni premurosi cercavano persone per bene che adottassero i cuccioli dei propri felini. Ma il quarantenne bergamasco, indagato dal corpo forestale dello Stato e dai carabinieri, per bene non era: gli animali che gli venivano affidati finivano torturati e uccisi e gli ex padroni, soprattutto donne, diventavano vittime di stalking via WhatsApp.

L’uomo, che risiede nella zona di Trescore Balneario in Val Cavallina, consultava sistematicamente bacheche on line e siti Internet che si occupano di trovare una casa alle nuove cucciolate, alla ricerca di inserzioni pubblicate nel bergamasco di donne intenzionate a regalare gattini appena svezzati e quindi adottabili. Dopo averle contattate, cominciava lo stalking: messaggi molesti e insulti alle signore che gli avevano incautamente ceduto un felino, ma anche a chi aveva rifiutato l’adozione, insospettito dagli strani atteggiamenti dell’uomo. Chi, infine, chiedeva rassicurazioni sulle condizioni dell’animale, riceveva fotografie di gatti morti o in agonia, chiaramente sottoposti a gravi maltrattamenti.

A far scattare l’allarme, chiedendo l’aiuto di carabinieri e corpo forestale, sono state alcune associazioni animaliste contattate dalle donne vittime del quarantenne. Durante l’indagine, condotta dal personale del nucleo investigativo per i reati in danno agli animali e dal corpo forestale, sono stati messi in atto pedinamenti e perquisizioni anche nell’appartamento dell’uomo, dove sono state trovate tracce di sangue in quello che gli inquirenti definiscono “uno stato di totale degrado”. Nel corso del sopralluogo si è potuta riscontrare la corrispondenza dell’abitazione con l’ambiente che compariva in alcune delle foto che l’uomo inoltrava alle inserzioniste.

Le indagini sono ancora in corso, così come gli accertamenti necessari a quantificare il numero dei gatti uccisi. Se fosse riconosciuto colpevole di maltrattamenti sugli animali l’uomo, che è pregiudicato, rischierebbe il carcere. “Questo caso di crudeltà efferata – è il commento di Carla Rocchi, presidente nazionale dell’Enpa, ente nazionale protezione animali – deve spingere tutti gli utenti della rete alla massima prudenza e al massimo scrupolo nel vagliare le offerte di adozione. Tra tantissime persone per bene e generose può sempre nascondersi un delinquente”

Fonte: Repubblica