Spero solo che non siano stati per davvero gli animalisti a far scappare il povero Ippopotamo, un’azione stupida di questi livelli si può solo condannare senza mezzi termini, non mi stupisco più di tanto, ho già dichiarato numerose volte che l’animalismo sta attraversando un periodo di mediocrità senza precedenti.  Sulla seconda notizia (palpeggiamento di una circense 15enne) caliamo un velo pietoso, personalmente non ci credo manco morto, tuttavia, sembra che siano state picchiate alcune ragazze, dopo Roma, ancora una volta mi chiedo: gli “uomini” dov’erano? 

Fonte: articolo tre

Ippopotamo scappa dal circo e muore investito da un’auto. Per gli Orfei è stato un blitz animalista L’ippopotamo è fuggito raggiungendo la strada per Montecassiano ed è stato travolto e ucciso da un’auto in transito.

Ippopotamo scappa dal circo e muore investito da un’auto. Per gli Orfei è stato un blitz animalista-Redazione- Ieri intorno alle 22.30 a Macerata, un ippopotamo del circo Orfei è scappato, ma la sua fuga è finita quasi subito, travolto da un’auto. Nello schianto, l’animale è morto sul colpo, mentre due ragazzi sono rimasti feriti.
Secondo le dichiarazioni fatte dai responsabili del circo, ieri sera, al centro fiere di Villa Potenza, avrebbe fatto irruzione un gruppo di animalisti che avrebbe aperto le gabbie di diversi animali (dromedari, una zebra e struzzi) convinti che non debbano essere rinchiusi e soffrire dietro le sbarre o utilizzati negli spettacoli.

L’ippopotamo sarebbe scappato a gran velocità, raggiungendo la strada principale, superando la prima arteria poi si è diretto verso la strada per Montecassiano, a quel punto è stato travolto da un’auto in transito che se l’è trovato di fronte: lo schianto è stato violentissimo.

L’animale – Aisha, una femmina di 8 anni – colpito alla testa, è morto sul colpo. Il conducente e il passeggero dell’auto sono rimasti feriti, pare in maniera non grave.
Sul posto i sanitari del 118, i carabinieri, la polizia stradale di Porto Recanati e i vigili del fuoco di Macerata. Le indagini sono affidate alla Polizia. Gli altri animali liberati sono stati tutti recuperati.
Sui camion del circo sono comparse delle scritte: “Animali liberi”.
Sempre ieri c’è stata un’altra irruzione da parte degli animalisti sempre in un circo Orfei, questa volta a Brescia. L’irruzione è avvenuta durante uno spettacolo e in seguito ad una manifestazione degli stessi animalisti. Secondo il racconto dei circensi, uno degli attivisti entrati nel tendone avrebbe palpeggiato una trapezista 15enne, episodio che sarebbe anche stato ripreso con una telecamera dai responsabili del circo. Sul posto era già presente la polizia che ha identificato e denunciato due animalisti. Sul caso di palpeggiamento denunciato dai circensi, la polizia di Brescia ricostruirà l’episodio attraverso le testimonianze dei presenti.
Solo la scorsa settimana alcuni animalisti avevano denunciato la presenza nel circo di due cani Chow Chow ‘truccati’ da panda.
-28 dicembre 2014-