L’abitudine a risolvere i “problemi” di convivenza tra umani e altri Animali eliminando i secondi, è talmente radicata in molti amministratori locali che neanche ci pensano, prima di ricorrere a misure estreme.

Così è successo a Malo (VI), dove, in un’area comunale, una colonia di Api si era insediata nel tronco cavo di un albero. Le Api si facevano tranquillamente i fatti loro, senza disturbare nessuno. Ma la segnalazione di un cittadino isterico ha trovato subito risposta nei funzionari comunali: che hanno incaricato una ditta “specializzata” la quale ha avvelenato e sterminato l’intera colonia. Paura e ignoranza sono cattivi consiglieri.

In comune a Malo non conoscono l’utilità delle Api, anche selvatiche (libere), come indicatore ambientale e per l’impollinazione delle piante? Non sanno che in questo periodo c’è allarme proprio per la diminuzione di questi Insetti? Non sanno che le Api, se non vengono disturbate, non fanno male a nessuno? Certo, si fa più presto a uccidere, e magari una ditta di amici ci guadagna….. Fa paura pensare che il territorio sia in mano a gente del genere!

I fenomeni del comune hanno detto che bisogna pensare all’incolumità dei bambini, dimostrando un’ignoranza disarmante, se un giorno le Api non ci saranno più, anche i bambini lo saranno. Del resto questo paesotto del Vicentino è infestato da cacciatori, quindi, di cosa ci stupiamo?