A Limbiate (MB) qualche infame semina polpette avvelenate nelle zone frequentate dai Cani. Due Cani sono morti, un terzo è sotto cura. Non sono episodi isolati: già nei mesi scorsi nella vicina  Saronno e in altri paesi della zona ci sono stati avvelenamenti o ritrovamento di cibo tossico, sparso nei parchi e nelle aiuole dei viali.

Come possano esistere individui così vili e crudeli da compiere azioni del genere, è difficile capirlo. Si tratta di criminali, veri e propri terroristi, evidentemente malati nella psiche. I sindaci hanno messo in allarme la popolazione, ma non è sufficiente. Si deve scoprire il responsabile ( o i responsabili).

Militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI stanno monitorando la zona, piuttosto vasta, e raccogliendo informazioni, dalle segnalazioni raccolte, sembra che l’infame non sia un ragazzino. Le pene previste per Legge (quando applicate) sono troppo lievi. Per questi bastardi ci vuole ben altro.